L’importanza del riciclaggio di denaro per il finanziamento del terrorismo – incontro pubblico al parlamento tedesco


Il 13 febbraio ha avuto luogo un incontro pubblico sul tema “Prevenzione del finanziamento del terrorismo internazionale”, organizzato dal Sottocomitato per la prevenzione delle crisi civili, risoluzione dei conflitti e azione in rete (Unterausschuss Zivile Krisenprävention, Konfliktbearbeitung und vernetztes Handeln) del parlamento tedesco. Tra gli esperti intervenuti Verena Zoppei, membro della Stiftung Wissenschaft und Politik (SWP), istituto tedesco per gli affari internazionali e di sicurezza – Think Tank con ruolo anche consultivo per il parlamento tedesco e il governo federale su questioni inerenti alla politica estera e di sicurezza.

In tale occasione, la ricercatrice ha parlato dell’importanza del riciclaggio di denaro in materia di finanziamento del terrorismo, sottolineandone una relazione sempre più stretta a partire dal 2015.  Per quanto riguarda la Germania, il paese oggi rappresenta un centro importante per il riciclaggio di denaro: circa 100 miliardi di euro, provenienti da attività illecite, fluiscono ogni anno in investimenti legittimi. Ciò è dovuto ad un alto flusso di cassa e da un quadro giuridico ed amministrativo che appare non essere ancora pronto ad un contrasto totalmente efficace a tali attività. Le disposizioni penali Antiriciclaggio ed il coinvolgimento degli operatori economici nella sua prevenzione non sono infatti sufficienti e risultano quindi inefficaci.

A questo si aggiunge che i canali di finanziamento del terrorismo, al contrario del riciclaggio di denaro cosiddetto “sporco”, potrebbero provenire in linea di principio anche da attività legali, rendendo ancora più difficoltosa la verifica di segnalazioni di operazioni sospette.

Alla luce della quarta Direttiva Antiriciclaggio, la creazione di un registro centrale europeo sui titolari effettivi di società e trust potrebbe rappresentare un passo avanti. L’aumento di trasparenza transfrontaliera aiuterebbe, infatti, a prevenire l’uso improprio delle associazioni e dei dispositivi giuridici al fine di riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo. Ma come sottolinea Verena Zoppei, la criminalità transfrontaliera richiede ulteriori soluzioni globali e la Germania dovrebbe sfruttare l’attuale presidenza del G20 per progettare soluzioni che vadano in questo senso.

Il tema è quindi di grande attualità; i recenti avvenimenti in diversi paesi europei hanno dimostrato come sia urgente l’individuazione e l’implementazione di strumenti efficaci per il contrasto del finanziamento del terrorismo, imprescindibile dalle opportune modifiche alle regole Antiriciclaggio in Germania.

Maggiori informazioni di seguito in lingua tedesca: