“Agromafie” – Criminalità organizzata e agricoltura

La Mafia in Italia

La cucina italiana è il prodotto di esportazione di maggior successo del Belpaese, e il cibo italiano non è da meno. In altri paesi europei come la Germania, questi vengono acquistati in particolare dai consumatori benestanti, per i quali la produzione sostenibile e socialmente giusta, così come la qualità certificata dai marchi di qualità, sono in primo piano al momento dell’acquisto. Ma ciò che effettivamente finisce sulla tavola del ristorante italiano di fiducia o nella propria cucina per hobby sono spesso prodotti che sono probabilmente gustosi, ma che solo parzialmente o per niente soddisfano questi criteri.

Poche persone sono consapevoli che il crimine organizzato in Italia ha una varietà di modi per rastrellare immensi profitti lungo la catena di produzione agricola attraverso attività illegali. Questi includono, tra gli altri, l’adulterazione o la falsa dichiarazione di prodotti alimentari, come l’olio d’oliva, ma anche all’inizio della filiera alimentare ci sono varie opportunità di guadagno attraverso l’uso di manodopera illegale o la frode dei sussidi. Il grande vantaggio è che in ogni caso si tratta di un prodotto finale legale, che è liberamente commerciabile e ricercato, oltre ad essere acquistato da molti più consumatori in frequenze più alte. Come cita il professor Stefano Masini dell’Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare (un think tank sulla criminalità nel settore agricolo a Roma) sul Financial Times del 08.11.2018, il settore è anche molto a prova di crisi e difficilmente soggetto a fluttuazioni economiche.
In particolare, le organizzazioni mafiose tradizionali sono state storicamente fortemente intrecciate con il settore agricolo: per esempio, i grandi capi di Cosa Nostra provengono da ambienti poveri e rurali e hanno iniziato con crimini oggi apparentemente innocui come i furti di bestiame. Anche il nome italiano di un clan mafioso – cosca – si riferisce ad un alimento: il carciofo. Come spiegò una volta il generale italiano Giuseppe Governale, la mafia è in realtà strutturata come un carciofo: Ogni singola foglia è collegata al cuore. Allo stesso tempo, anche molti non mafiosi sono attivi nel settore, poiché si possono ottenere alti profitti anche con metodi spesso semplici, pochi confidenti e senza l’appoggio di una grande organizzazione. Indipendentemente da questo fatto, il termine “agromafia” è spesso usato per questo tema, ma è piuttosto analogo a creazioni di parole come “mafia degli appalti” e quindi non dovrebbe essere preso alla lettera.

Definizioni e classificazione del tema

Come opera esattamente questa “agromafia”, e chi sta dietro a questo nome così eclatante? A causa della complessità della risposta, dedichiamo un’intera serie di articoli all’argomento, ma di seguito offriamo in anticipo alcune brevi definizioni di altre organizzazioni.

Prima di tutto, ha senso usare il termine “agromafia” al plurale. Per esempio, l’operazione “Salib” (2005) dei carabinieri italiani ha scoperto una banda albanese che, in collaborazione con i clan della ‘ndrangheta italiana, usava le fattorie come base logistica per organizzare attività criminali come il traffico di droga e di armi, la prostituzione forzata, ma anche la riduzione in schiavitù degli immigrati illegali in agricoltura. Mafianeindanke si occuperà quindi in questa serie di articoli non solo delle associazioni criminali di tipo mafioso, ma di tutte le forme di criminalità organizzata che sono attive nel settore agricolo utilizzando strutture commerciali o affaristiche e con l’intenzione di trarne profitto. In questo contesto, i legami con le note mafie italiane sono di particolare interesse. Allo stesso tempo, mafianeindanke mira anche a sensibilizzare l’opinione pubblica sul contesto in cui ha avuto origine la criminalità strutturalmente radicata nell’agricoltura italiana e sulle sue conseguenze sociali.

L’enciclopedia libera online Wikimafia definisce il termine “Agromafia” come segue: „Agromafia è il nome comune di quelle organizzazioni criminali, non solo di natura mafiosa, che operano nel settore agricolo e nella produzione alimentare in generale, dove, tra le altre cose, contraffanno o comunque adulterano i prodotti alimentari e contraffanno etichette, marchi protetti e sigilli di qualità.“
Una chiave per il successo in questo business è il controllo dei canali di approvvigionamento. La Grande Distribuzione Organizzata (GDO), il commercio all’ingrosso in Italia, è particolarmente rilevante in questo contesto. Questo include la distribuzione tra i grossisti e le catene di distribuzione tra i dettaglianti. La possibilità di impadronirsi del mercato attraverso il controllo completo di questi canali è particolarmente attraente per il crimine organizzato.
Inoltre, il cosiddetto “Caporalato” rientra anche sotto il termine “Agromafia”, come lo “sfruttamento illegale di manodopera a basso costo in spregio al diritto del lavoro” o, più concretamente, secondo un glossario della Fondazione Rosa Luxemburg:
“Il reclutamento illegale di lavoratori da parte di intermediari del lavoro (caporalato) […] I lavoratori sono solitamente assunti su base giornaliera, pagano trattenute, ad esempio per il trasporto sul posto di lavoro, e ricevono un salario che è solitamente molto al di sotto dei salari minimi applicabili nel settore. Nel settore ortofrutticolo in Italia, questa pratica di sfruttamento dei lavoratori è molto diffusa. Diverse iniziative legislative hanno provato a mettere un freno a questo sistema di tipo mafioso, ma il problema è la mancanza di controlli”.
Il caporalato si svolge in tutta Italia, non solo nelle regioni del sud. Il problema colpisce una vasta gamma di settori all’interno dell’agricoltura, dalla raccolta della frutta e l’allevamento degli animali, all’edilizia e il facchinaggio. 180.000 lavoratori a giornata sono attualmente minacciati da questa forma di sfruttamento in Italia. In questo contesto si inserisce anche la particolare vulnerabilità delle donne e, intrecciata a questa, dei migranti, la cui fragile situazione in termini di diritto dell’immigrazione e del lavoro – determinata da una mancanza di protezione e integrazione da parte dello Stato italiano – può essere facilmente sfruttata. Ripetutamente la gente muore a causa delle dure condizioni di vita e di lavoro. Lo slogan dell’attivista italiana Diletta Bellotti “Il Made in Italy è fatto di sangue” non esagera: c’è sangue sul nostro cibo.

Inoltre, il settore agricolo offre al crimine organizzato ampie e facili opportunità di sottrarre e deviare fondi statali e sovranazionali. In Sicilia, in particolare, i sussidi dell’UE per il settore agricolo sono stati appropriati dalla mafia su larga scala negli ultimi anni. Il politico siciliano Giuseppe Antoci, che aveva spinto per una regolamentazione molto più forte e reso obbligatoria la presentazione di un certificato antimafia anche per i terreni agricoli in affitto di valore inferiore a 150.000 euro, è stato vittima di un attentato e ne é scampato per un pelo nel 2016. D’altra parte, un’altra attività meno conosciuta è la frode su larga scala dei sussidi di disoccupazione nel settore agricolo. I giornalisti Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo raccontano nel loro libro “Se muore il sud” di aziende che esistono solo sulla carta, registrate a nome di uomini prestanome, che fingono di assumere lavoratori agricoli fino al raggiungimento di un periodo minimo che dà diritto all’indennità di disoccupazione per il resto dell’anno. Spesso questi lavoratori sono effettivamente impiegati in altri modi o non lo sono affatto, mentre i sussidi di disoccupazione richiesti con successo dopo il licenziamento vengono dirottati alle „aziende“.

Più recentemente, il sesto rapporto dell’istituto di ricerca Eurispes include persino lo smaltimento illegale di rifiuti tossici e 30.000 eco-crimini annuali sotto la voce “agromafie”. In sintesi, il termine “agromafia” può essere definito in modo molto ampio e rimane vago per il momento. Nei prossimi articoli, mafianeindanke tratterà i fenomeni criminali descritti e i loro effetti in modo selettivo per poter illuminare la gamma di argomenti in modo differenziato. Nel contesto delle strutture mafiose, devono essere affrontati anche i temi della protezione ambientale, della giustizia sociale e dei diritti delle donne: Questo corrisponde ai principi guida del cuore stesso del movimento antimafia.

Mafianeindanke si occupa di questo argomento, poiché non solo è poco trattato, ma ha un’alta rilevanza soprattutto per il target tedesco dell’associazione. La connessione emotiva dei tedeschi alla dolce vita italiana è estremamente alta e la qualità della cucina è ben nota. Tutti noi abbiamo probabilmente comprato cibo italiano, facendo la supposizione, per mancanza di migliore conoscenza, giustamente descritta dal giornalista italiano Giulio Rubino: “È un prodotto italiano, dopo tutto, quindi è destinato ad essere buono”. In questo e in altri testi successivi, ci proponiamo di evidenziare l’immenso potenziale di profitti lungo la catena del valore agricolo per il crimine organizzato.

Frodi alimentari in Italia: Mafianeindanke si concentrerà nella serie di articoli della newsletter esclusivamente sui prodotti che sono intesi da parte dei consumatori come classicamente “Made in Italy” e per i quali i consumatori preferiscono anche l’origine italiana, anche se sono disponibili prodotti simili provenienti da altri paesi. Inoltre, i prodotti devono essere particolarmente adatti alla contraffazione, il che è meno il caso di uno dei beni di esportazione più importanti, la pasta, per esempio. Le categorie di prodotti a cui presteremo maggiore attenzione invece, sono l’olio d’oliva, in particolare l’olio extra vergine d’oliva (“extra vergine”), e la mozzarella di bufala.
Caporalato/frode sui sussidi: un altro punto centrale sarà lo sfruttamento criminale del lavoro a basso costo o irregolare, il suddetto caporalato, con le sue cause e gli impatti sociali e ambientali. Un altro punto fisso della nostra serie di articoli sarà la deviazione criminale o l’appropriazione indebita delle sovvenzioni dell’UE e dei benefici statali, che rappresenta un tema sempre attuale.
Se avete suggerimenti o informazioni su questo argomento, non esitate a contattarci.

Link utili

In tedesco
Per ulteriori letture, consigliamo di dare un’occhiata all’opuscolo della Fondazione Rosa Luxemburg “La lotta dei lavoratori agricoli in Italia” (2020).

Un libro affascinante sul tema del lavoro nero nell’Italia meridionale si chiama “Arance amare: Un nuovo volto della schiavitù in Europa” ed è scritto dall’antropologo culturale Gilles Reckinger.

Il 19 febbraio 2021, sarà pubblicato in Germania il libro non-fiction “Agromafia: Wie Ndrangheta & Co. die italienische Lebensmittelproduktion beherrschen – und was auf unsere Teller kommt” del corrispondente del quotidiano Süddeutsche Zeitung, Oliver Meiler.

In Italiano

Altri link sull’argomento dall’area di lingua italiana

https://www.osservatorioagromafie.it/
https://eurispes.eu/ricerca-rapporto/agromafie-6-rapporto-sui-crimini-agroalimentari-in-italia-2019/

https://lavialibera.libera.it/it-tag-10-caporalato


Consigliato sul tema il Caporalato (in italiano)

Caporalato. An authentic agromafia di Fiammetta Fanizza, Marco Omizzolo

La lotta al caporalato in Italia di Maria Teresa Falsone

Ghetto Italia. I braccianti stranieri tra capolarato e sfruttamento di Leonardo Palmisano, Yvan Sagnet

Sotto padrone. Uomini, donne e caporali nell’agromafia italiana di Marco Omizzolo

Il grande carrello: Chi decide cosa mangiamo di Fabio Ciconte, Stefano Liberti

Uomini e caporali di Alessandro Leogrande

Romanzo caporale di Annibale Gagliani, Stefano Donno

Attivismo su Instagram a riguardo:

@dilettabellotti

post precedente

Perché la Germania ha bisogno di eroi antimafia