Unione Europea: Le competenze per la prevenzione del riciclaggio di denaro sporco saranno concentrate presso l’Autorità bancaria europea – con scarse conseguenze giuridiche


Il regolamento (UE) 2019/2175 del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2019 ha trasferito le competenze delle autorità nazionali di vigilanza su assicurazioni, valori mobiliari e mercati in materia di prevenzione del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo all’Autorità bancaria europea (ABE), precedentemente responsabile solo per le banche.

A tal fine, il Regolamento (UE) 1093/2010 è stato modificato. Il legislatore si augura che ciò migliori la vigilanza utilizzando le competenze e le risorse dell’ABE per ottimizzare l’attuazione delle disposizioni della direttiva UE sul riciclaggio di denaro. Tuttavia, il regolamento modificato non comporta per l’ABE poteri di intervento qualitativamente nuovi. In parole povere, ciò significa che la vigilanza su banche, assicurazioni, imprese d’investimento e altri fornitori di servizi finanziari sul riciclaggio di denaro rimarrà ai sensi della legge in gran parte inalterata presso le autorità di vigilanza degli Stati membri dell’UE. Innumerevoli scandali di riciclaggio di denaro nel settore finanziario degli Stati membri dell’UE, che spesso hanno carattere transfrontaliero, evidenziano tuttavia che queste autorità di vigilanza nazionali hanno in molti casi svolto in modo inadeguato i loro compiti e che la cooperazione transfrontaliera tra le istituzioni di vigilanza nazionali nell’UE non funziona.

Il ruolo dell’ABE nella vigilanza finanziaria europea

L’ABE è stata istituita il 1° gennaio 2011 sulla base del Regolamento (UE) n. 1093/2010. In risposta alla crisi dei mercati finanziari, il suo compito è quello di garantire una regolamentazione e una vigilanza efficaci del settore bancario europeo e contribuire così alla stabilità finanziaria nell’UE. Ciò include la prevenzione del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo, in quanto questi meccanismi di prevenzione sono un elemento importante per l’integrità e la reputazione degli attori finanziari e per la stabilità del mercato finanziario europeo.

L’ABE fa parte del Sistema europeo delle autorità di vigilanza finanziaria (“SEVIF “). Esso è stato creato nel 2008. Il SEVIF è concepito per garantire un’applicazione armonizzata e adeguata delle norme applicabili al settore finanziario in tutti gli Stati membri. Lo scopo è di preservare la stabilità finanziaria, costruire la fiducia nel sistema finanziario nel suo complesso e una sufficiente protezione dei consumatori. Oltre all’ABE, il SEVIF comprende:

– il Comitato europeo per il rischio sistemico (European Systemic Risk Board “ESRB”).

– l’Autorità europea delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali (European Insurance and Occupational Pensions Authority “EIOPA”).

– il Comitato congiunto delle autorità di vigilanza europee.

– le autorità nazionali di vigilanza degli Stati membri.

ABE, EIOPA ed ESMA sono le tre autorità di vigilanza europee (AEV). Il compito principale delle AEV, oltre a fornire consulenza alla Commissione europea, è quello di stabilire un unico insieme di regole per la vigilanza finanziaria nel mercato unico europeo. Ciò include l’elaborazione di standard tecnici di regolamentazione e di attuazione che vengono poi adottati dalla Commissione come atti delegati o di esecuzione. Pubblicano anche linee guida e formulano raccomandazioni. Per quanto riguarda la prevenzione del riciclaggio di denaro sporco, queste misure saranno ora attuate dall’ABE a sportello unico.

Le linee guida e le raccomandazioni non sono giuridicamente vincolanti. Tuttavia, se le autorità nazionali di vigilanza non desiderano seguirle, devono comunicarne il motivo entro un certo periodo di tempo.

Le AEV hanno il potere di richiedere alle autorità nazionali di vigilanza di intervenire in caso di crisi. Tuttavia, non hanno poteri di intervento diretto nelle istituzioni e nelle imprese degli Stati membri, né diritti di controllo propri. Il controllo continuo delle istituzioni e i necessari diritti di controllo, nonché l’esecuzione e le misure sanzionatorie, continueranno quindi ad essere di competenza delle autorità di vigilanza nazionali, in Germania la Bundesanstalt für Finanzdienstleistungsaufsicht (BaFin).

I problemi strutturali
delle autorità europee di vigilanza finanziaria rimangono immutati

Dal 1° gennaio 2020 l’ABE svolge ora il ruolo di guida, coordinamento e vigilanza a livello dell’Unione nella prevenzione del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo e adotta diverse misure per compensare la mancata piena armonizzazione degli obblighi di diligenza previsti dalla direttiva sul riciclaggio di denaro. Ciò non ne fa tuttavia un’autorità di vigilanza nel campo della lotta al riciclaggio di denaro. La direttiva UE sul riciclaggio di denaro, che è stata aggiornata più volte, regola solo i requisiti minimi. Il contenuto normativo delle leggi di attuazione negli Stati membri non è quindi identico e si differenzia l’uno dall’altro. Ove possibile in questo contesto problematico, l’ABE dovrebbe utilizzare il suo nuovo ruolo soprattutto per garantire una maggiore armonizzazione degli approcci nazionali alla lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo e per assicurare una prassi di attuazione uniforme.

Nel suo “Factsheet on the EBA’s new role” del 5. febbraio 2020, l’ABE annuncia le misure che intende adottare a tal fine. Queste includeranno:

– Sviluppare una strategia a livello europeo per la prevenzione del riciclaggio di denaro sporco attraverso norme tecniche di regolamentazione e di attuazione, linee guida e raccomandazioni.

– l’attuazione di questa strategia e della legislazione UE che ne è alla base, tra l’altro introducendo una procedura di domande e risposte.

– Raccogliere, valutare e diffondere informazioni sui rischi di riciclaggio di denaro e di finanziamento del terrorismo in tutta l’UE e sviluppare un approccio comune per mitigare tali rischi.

– l’istituzione di un comitato interno permanente per la lotta al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo.

– la creazione di una banca dati contenente, tra l’altro, informazioni sulle carenze delle singole istituzioni nella prevenzione del riciclaggio e le misure adottate dalle autorità competenti per porre rimedio a tali carenze.

– facilitare la cooperazione con le autorità di paesi terzi per garantire che le violazioni da parte di istituzioni che operano a livello transfrontaliero siano affrontate in modo completo e tempestivo.

Ci si può aspettare ben poco da questo pacchetto di competenze. Il cosiddetto Consiglio delle autorità di vigilanza è il più importante organo decisionale dell’autorità. Le autorità di vigilanza degli Stati membri sono membri votanti di questo organo. Essi svolgono un ruolo chiave nel determinare il contenuto del lavoro dell’ABE. Come dimostra chiaramente la dura critica del Parlamento europeo al Consiglio delle autorità di vigilanza per aver impedito che lo scandalo della Danske Bank venisse trattato dal Consiglio delle autorità di vigilanza l’anno scorso, nessuna autorità di vigilanza nazionale di uno Stato membro X attaccherà un suo collega supervisore di uno Stato membro Y, indipendentemente dalla gravità delle violazioni da parte della rispettiva autorità di vigilanza.

Di riforme del regime antiriciclaggio a livello UE degne di questo nome si potrebbe parlare solo se la Commissione europea, il Consiglio e il Parlamento europeo potessero raggiungere un accordo per creare una struttura di vigilanza indipendente e autonoma a livello UE, con propri diritti di intervento e di controllo negli Stati membri, con risorse umane e materiali adeguate. Tuttavia, nonostante gli inni all’importanza della lotta contro il riciclaggio di denaro sporco nel mercato interno dell’UE, questo trasferimento di competenze nazionali non viene sostenuto da nessuno Stato membro – nemmeno dal governo federale tedesco.

© mafianeindanke, 11 marzo 2020