Il primo Maxi Processo della Germania: di pentiti e di bunker ad alta sicurezza


È un Maxi Processo, hanno titolato diversi quotidiani tedeschi, quando il 26 ottobre a Düsseldorf è finalmente iniziato il processo, che è la diretta conseguenza di un’azione di polizia internazionale di vasta portata contro la mafia italiana. Gli imputati sono 14 uomini, cinque dei quali membri della ‘Ndrangheta’ italiana, che non sono italiani, ma in realtà del Nord Reno-Westfalia. Oltre ad altri reati, sono accusati di traffico di 680 chili di cocaina. Cifre impressionanti che giustificano in parte il termine “Maxi Processo”. Tuttavia, ciò che ricorda particolarmente al leggendario Maxi Processo di Palermo, conosciuto in questo paese come Processo mammut, sono tre cose: un bunker di alta sicurezza come aula di tribunale, la presenza di un pentito e il fatto che tutti gli imputati sono accusati di appartenenza o di sostegno a un’organizzazione criminale. Il primo non è niente di speciale per la mafia, ma il secondo è qualcosa che la mafia teme più di ogni altra cosa, e il fatto che i sospetti mafiosi siano accusati di essere membri di un’organizzazione criminale in Germania è sorprendentemente una novità.

Il contesto

È quasi due anni fa, nel dicembre 2018, quando si è svolta un’incursione internazionale contro la ‘Ndrangheta calabrese, che ha portato a oltre 80 arresti ed è stata battezzata “Operazione Pollino”. L’indagine è stata condotta dall’autorità giudiziaria europea Eurojust e, a livello operativo, è stata gestita da una squadra investigativa comune internazionale, che comprendeva investigatori tedeschi, italiani e olandesi. I dati chiave dell’operazione sono impressionanti: solo in Germania, centinaia di agenti di polizia sono stati coinvolti negli arresti e nelle perquisizioni, coordinati con i loro colleghi internazionali.

L’azione ha fatto scalpore mediatico ed è stata celebrata come un grande successo investigativo. Allo stesso tempo, purtroppo, sono venuti alla luce diversi contrattempi da parte degli investigatori tedeschi e le indagini sul presunto passaggio di segreti ufficiali da parte dei funzionari ai mafiosi. Quest’ultima in particolare era preoccupante, poiché in Germania continua a prevalere l’opinione diffusa che, a differenza dell’Italia, l’infiltrazione nell’economia e nello Stato è praticamente impossibile.

In ogni caso, l’azione è stata un duro colpo contro la ‘Ndrangheta e ha sottolineato ancora una volta la sua forte presenza fuori dall’Italia, dove è riconosciuta come la più internazionalizzata delle quattro grandi mafie. Dopo il bagno di sangue di Duisburg nel 2007, che ha causato la morte di sei persone ed è stato generalmente considerato un campanello d’allarme per i media in Germania, la ‘Ndrangheta si era ben tenuta a non fare più atti simili. Si è parlato di ‘Ndrangheta nei media solo in caso di incursioni e arresti..

Cosa ci aspetta nel processo

Dopo che l’inizio del processo era stato ritardato – come accade in questi tempi – a causa di un imputato in Corona-quarantena, l’atto d’accusa è stato finalmente letto il 26 ottobre. Sono previsti 91 giorni di prova nell’ala di alta sicurezza del Tribunale regionale superiore di Düsseldorf, che per il resto viene utilizzata soprattutto per i procedimenti di sicurezza dello Stato. Tuttavia, è probabile che ce ne siano molti altri, anche perché i 14 uomini sono tutti accusati di aver formato o sostenuto un’organizzazione criminale e quindi tutti devono essere condannati contemporaneamente. Non sarà possibile quindi in questo modo suddividere i singoli casi. Altri punti sono il riciclaggio di denaro sporco, la frode, l’evasione fiscale e le violazioni della legge sul possesso di armi, “Waffengesetz”. La rimozione di un percorso transeuropeo per la droga è tuttavia la priorità principale. Dagli anni Novanta, i porti del Belgio e dell’Olanda, in particolare Rotterdam e Anversa, sono stati una porta d’ingresso per le spedizioni di cocaina dal Sud America e, a causa dei controlli più permissivi, sono più popolari di, ad esempio, Gioia Tauro in Calabria. Gli imputati sono accusati di aver organizzato l’importazione e il trasporto successivo di tonnellate di cocaina in veicoli appositamente convertiti e dotati di compartimenti segreti così ben nascosti che una volta un furgone di corriere carico, nonostante il forte sospetto, è passato attraverso un controllo di polizia perché le autorità non sono riuscite a trovare il compartimento. Come ironicamente notato da un quotidiano italiano, gli imputati hanno preso come base l’attività imprenditoriale più popolare degli emigrati italiani, ovvero le pizzerie e le gelaterie, alcune delle quali in Germania.

Il fatto che ci sia un pentito in questo processo è particolarmente degno di nota, dato che la ‘Drangheta calabrese è considerata la mafia con il minor numero di pentiti, per cui è particolarmente diffuso il voto di silenzio a vita, omertà. Infatti, il pentito ha dichiarato di non aver mai aderito ufficialmente all’associazione, anche se gli è stata offerta più volte l’opportunità di farlo. Si dice che sia stato una figura chiave nell’organizzazione del commercio mondiale di droga attraverso la ‘Drangheta. Dopo che i suoi soci d’affari colombiani hanno dubitato della sua serietà, La situazione è diventata molto calda per lui. Alla fine è stato arrestato prima dell’Operazione Pollino. Successivamente ha cambiato schieramento e ha lavorato con le autorità italiane.

In passato, i pentiti hanno dato un contributo essenziale per consentire agli investigatori e ai criminologi di conoscere meglio le strutture interne della mafia e la loro effettiva diffusione. Anche in questo procedimento, il contributo del pentito è di grande importanza. Spesso, nei processi di mafia, l’avvocato difensore degli imputati, sapendo che l’accusa si basa sulla testimonianza di un pentito, cerca di ribaltare il processo scuotendo la credibilità di quella persona. Il pentito, infatti, è già stato criticato nel processo Pollino, in quanto sembra aver commesso dei reati mentre collaborava ancora con le autorità italiane, e quindi non si è impegnato completamente nella via della legalità. Anche per questo ha dovuto lasciare il programma italiano di protezione dei testimoni. È una manna dal cielo per la difesa o un dettaglio insignificante? Rimane emozionante. In ogni caso, si può presumere che gli inquirenti abbiano ben motivato la loro accusa. Anche i telefoni criptati potrebbero essere decifrati.

Si spera che questo processo riesca a rendere la ‘ndrangheta più visibile in Germania. Un processo analogo a Costanza non è riuscito ad ottenere questo risultato: il giudice che presiedeva non era interessato ai legami mafiosi degli imputati. Ciò non è possibile in questo caso, perché questi riferimenti fanno parte dell’accusa.