Sequestrata in Austria un’ingente somma derivante dal riciclaggio di denaro


Nel mese di dicembre la cooperazione transnazionale nella lotta contro la criminalità organizzata ha avuto tra i suoi esiti la confisca di quattro appartamenti tra Vienna e Innsbruck che erano stati comprati da Cosa Nostra e il sequestro di 37,3 milioni di euro derivanti dal riciclaggio e dal gioco d’azzardo.

L’acquisto di immobili era una pratica consolidata grazie all’appoggio di società e di fondazioni, e infatti è proprio in queste che il denaro è stato trovato. Proveniva in buona parte dal gioco d’azzardo illegale, come dimostra anche il fatto che alcuni imputati erano stati occupati nel settore delle scommesse e dei giochi d’azzardo; le altre fonti erano le frodi nel settore assicurativo e le estorsioni.

Il sospetto su queste azioni della mafia era stato sollevato a metà novembre dalla Procura di Reggio Calabria, la quale ha chiesto l’assistenza giudiziaria delle autorità austriache per un’indagine che che riguarda sì l’Austria, ma anche Sicilia, Calabria, Bari e Roma.

Andreas Holzer – Capo del Dipartimento generale e delle indagini sulla criminalità organizzata presso l’Ufficio federale di polizia giudiziaria (BK) – ha sottolineato che già allora sono stati confiscati immobili per un valore di oltre un miliardo di euro e sono stati arrestati 68 sospettati di essere dietro alla mafia delle scommesse sia in Italia che all’estero.

Come ha evidenziato il ministro dell’Interno austriaco Herbert Kickl (FpOe) a proposito della confisca di dicembre, “questa operazione dimostra ancora una volta l’importanza della cooperazione transfrontaliera nella lotta contro la criminalità organizzata”. Questo modo di procedere è del resto direttamente conseguente alla sovrapposizione parziale delle attività dei clan in territori diversi.