Mafia Foggia – Arresti durante l’operazione di polizia internazionale


Il 16 ottobre 2018 si è svolta nella città italiana di Foggia un’importante operazione di polizia con la quale il giudice istruttore barese, su richiesta della Procura Antimafia, ha disposto la custodia cautelare nei confronti di Giovanni C.. È accusato di essere coinvolto nel quadruplo omicidio del 9 agosto 2017 nei dintorni di Apricenas, che ha causato la morte di un leader della criminalità organizzata locale, del suo autista e di due persone non coinvolte. Il caso ha anche una dimensione internazionale: un altro uomo sospettato di avere avuto un legame con l’omicidio è stato assassinato due mesi dopo ad Amsterdam.

Due mesi dopo l’episodio di Apricena veniva, infatti, ucciso nella capitale olandese Saverio T. che si sospettava potesse aver fatto parte all’omicidio nel foggiano; a confermare i sospetti sono stati le confessioni dell’assassino Carlo M. che ha raccontato nel corso degli interrogatori come l’uomo avesse ammesso più volte di essere coinvolto nel quadruplice omicidio. Visti i collegamenti tra i due, la Direzione Distrettuale Antimafia di Bari e il procuratore Volpe hanno richiesto alle autorità olandesi l’estradizione, e grazie anche alla collaborazione con Eurojust, l’uomo è stato consegnato alla magistratura italiana. Dalle indagini è emerso come l’episodio di agosto fosse avvenuto per ridefinire gli assetti di potere della criminalità organizzata nel Gargano.

La complessa operazione, coordinata tra il Comando Provinciale di Foggia e il Reparto del R.O.S. di Roma, assieme al Comando Provinciale di Bari e alla Compagnia Carabinieri di Barletta, ha un’importanza particolare per diversi motivi: il coordinamento internazionale da parte di Eurojust ha infatti svolto un ruolo chiave nell’organizzazione delle operazioni tra l’Olanda e l’Italia. Inoltre la denuncia da parte dell’uomo che ha ucciso il sospettato ad Amsterdam ha aperto una frattura nel muro di omertà che contraddistingue il territorio e che fa sperare, da parte delle autorità competenti, in un nuovo corso nella lotta alla criminalità organizzata locale.