L’Unione Europea – un paradiso per il riciclaggio di denaro sporco


La quinta direttiva UE sul riciclaggio dei capitali (direttiva (UE) 2018/843 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 maggio 2018, che modifica la direttiva (UE) 2015/849 relativa alla prevenzione dell’uso del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminali e di finanziamento del terrorismo e che modifica le direttive 2009/138/CE e 2013/36/UE) doveva essere attuata dagli Stati membri entro il 10 gennaio 2020. La Spagna, il Portogallo, i Paesi Bassi, la Romania, l’Ungheria, la Slovacchia, la Slovenia e Cipro non hanno recepito affatto questa direttiva entro il termine previsto; altri Paesi dell’UE l’hanno recepita solo parzialmente. L’Italia, la Germania, la Finlandia, la Lettonia e la Bulgaria sono gli unici paesi dell’Unione Europea ad aver recepito pienamente questa direttiva secondo le indicazioni della Commissione Europea. La legge di attuazione tedesca è entrata in vigore il 1° gennaio 2020. Tuttavia, occorre esaminare separatamente la questione e cioè se le leggi di recepimento di questi cinque paesi siano conformi, nella sostanza e nella loro interezza, al contenuto della direttiva.

Il mancato rispetto dei termini di recepimento da parte degli Stati membri inadempienti dimostra già la scarsa importanza che gli organi esecutivi e legislativi dei singoli Stati membri dell’UE attribuiscono a un’efficace prevenzione del riciclaggio di denaro sporco e a un quadro giuridico armonizzato per la prevenzione del riciclaggio di denaro sporco in tutti i settori economici dell’Unione Europea, nonostante tutte le assicurazioni e i discorsi di “soap box”.

La stessa Commissione europea è in parte responsabile di questa situazione desolata, avendo già fallito nelle quattro precedenti direttive sulla prevenzione del riciclaggio di denaro sporco a sanzionare in modo coerente il mancato rispetto dei termini di recepimento o l’attuazione materialmente inadeguata delle leggi nazionali di recepimento. La Commissione avrebbe gli strumenti per farlo avviando una procedura d’infrazione. La Commissione può avviare una procedura formale di infrazione se un paese dell’UE non notifica le misure di recepimento completo di una direttiva o non pone rimedio a una presunta violazione del diritto comunitario. La procedura consiste in diverse fasi – in una certa fase del procedimento, coinvolge la Corte di giustizia europea – previste dai trattati UE, ciascuna delle quali si conclude con una decisione formale. Nei casi in cui la Commissione rinvia la questione alla Corte di giustizia europea per la seconda volta, può proporre l’imposizione di sanzioni pecuniarie molto severe sotto forma di una somma forfettaria e/o di un importo giornaliero da pagare.

Attualmente sono ancora in corso 17 procedure d’infrazione a causa dell’insufficiente attuazione della quarta direttiva UE sul riciclaggio di denaro da parte dei singoli Stati membri. La presente direttiva avrebbe dovuto essere attuata già nel 2017. La Commissione europea non è in grado di condurre questi procedimenti in modo indipendente a causa della situazione desolata del personale nelle unità operative della Commissione responsabili della prevenzione del riciclaggio di denaro sporco. Ha “esternalizzato” gli esami relativi al procedimento al Consiglio d’Europa; i procedimenti pendenti per sospette violazioni della terza direttiva sul riciclaggio sono stati completamente interrotti a causa di questa situazione del personale. Di conseguenza, la Commissione europea si sta trasformando in una tigre di carta nella lotta contro il riciclaggio di denaro sporco, che gli Stati membri non devono temere.

È evidente che la lettera della legge di recepimento e la sua conformità ai requisiti della rispettiva direttiva da sola non dice nulla sull’efficacia delle rispettive misure antiriciclaggio nei singoli Stati membri dell’UE e sul modo in cui le leggi di recepimento sono effettivamente vissute nei singoli Stati dell’UE. Esiste un profondo divario tra la rivendicazione formulata nella direttiva o nella legge di attuazione individuale e la realtà giuridica dei singoli Stati dell’UE. Vi sono prove sufficienti di deficit di attuazione negli Stati membri, Danimarca, Paesi Baltici, Paesi Bassi, Malta e Cipro. Anche la Germania è un eloquente esempio negativo. Sebbene la Germania sia uno di paesi modello nell’attuazione formale delle direttive UE sul riciclaggio di denaro sporco, l’effettiva attuazione nel sistema federale è una farsa, non da ultimo a causa della mancanza di personale nelle autorità statali responsabili del settore non finanziario e della mancanza di volontà politica da parte dei governi statali. In alcuni casi, anni dopo l’entrata in vigore delle disposizioni di legge, i Länder non hanno fatto alcun tentativo di avviare l’attuazione nei singoli settori di vigilanza. Ad esempio, le norme sulla vigilanza dei notai in materia di legge sul riciclaggio di denaro sporco sono state negate dai presidenti dei tribunali regionali degli Stati federali.

Viceversa, ciò non significa che il quadro giuridico armonizzato per la prevenzione del riciclaggio di denaro nell’Unione europea previsto dalla direttiva sia irrilevante. Al contrario. Un quadro normativo e di vigilanza frammentato nel campo della prevenzione del riciclaggio di denaro sporco è un veleno per una vigilanza efficace in situazioni transfrontaliere. I casi di riciclaggio di denaro sporco rilevanti come il caso della Danske Bank, con un volume di 200 miliardi di euro, hanno di solito un background transfrontaliero. Senza un quadro giuridico armonizzato non può esserci uno scambio regolare di informazioni e un coordinamento efficace delle autorità competenti nell’Unione europea. Inoltre, al fine di preservare l’integrità del mercato interno dell’UE, è necessaria un’azione armonizzata e concertata delle istituzioni di vigilanza degli Stati membri dell’UE nei confronti dei paesi terzi ad alto rischio di riciclaggio.

Cosa fare

Questi problemi continueranno in futuro quando si tratterà di regolamentare la prevenzione del riciclaggio di denaro sporco, a meno che la Commissione Europea non decida finalmente un percorso normativo alternativo. La sesta direttiva UE sul riciclaggio di denaro del 12.11.2018, che deve essere attuata dagli Stati membri dell’UE entro il 3. 12.2020, è stata ancora adottata secondo il vecchio modello di armonizzazione, ovvero la creazione di standard minimi sotto forma di direttiva e la loro implementazione mediante atti nazionali di attuazione. Il diritto comunitario non impedisce alla Commissione di scegliere la via della piena armonizzazione adottando in futuro un regolamento comunitario. In accordo con il Consiglio e il Parlamento europeo, la Commissione sta adottando sempre più spesso questo approccio alla regolamentazione dei mercati finanziari. Non vi è alcuna buona ragione per cui questo non debba essere fatto allo stesso modo per la prevenzione del riciclaggio di denaro sporco. Le procedure legislative potrebbero quindi essere notevolmente accelerate per poter reagire immediatamente ai rischi individuati. Una volta adottato il regolamento, anche il contenuto del regolamento diventerebbe immediatamente giuridicamente vincolante; non sarebbero più necessarie leggi di attuazione frammentarie negli Stati membri.

  Michael Findeisen (tradotto dal tedesco) © mafianeindanke, 5 marzo 2020