Il tribunale regionale di Berlino utilizza un nuovo strumento contro la criminalità organizzata


il 7 aprile 2020 il tribunale regionale di Berlino ha ordinato la confisca di due beni nel quartiere di Neukölln avvalendosi di un nuovo strumento giuridico. L’articolo 76a del Codice penale tedesco consente la confisca di beni sequestrati in seguito a determinati reati – anche se il procedimento penale ha dovuto essere interrotto. Mafianeindanke accoglie con favore questa sentenza e chiede alla magistratura di utilizzare questo strumento più spesso e in tutti i settori della criminalità finanziaria.

I due appezzamenti di terreno di Neukölln interessati sono stati provvisoriamente confiscati nel 2018. Secondo il Tribunale regionale, i criminali hanno finanziato queste proprietà con i proventi di crimini non specificati.

Con la decisione del 7 aprile, il Tribunale regionale si è avvalso del nuovo strumento di confisca autonoma ai sensi dell’articolo 76a del Codice penale tedesco, entrato in vigore nel luglio 2017 con la riforma della legge sul sequestro penale.  Questa norma si riferisce ai beni sequestrati in caso di sospetta commissione di uno dei reati elencati all’art. §76a cpv. 4 del Codice penale e consente, tra l’altro, la confisca anche se il procedimento penale ha dovuto essere interrotto. In questo caso, gli imputati sono stati accusati di riciclaggio di denaro, ma non è stato possibile dimostrare con la necessaria certezza un reato presupposto.

• Mafianeindanke accoglie con favore questa sentenza. La lotta contro la criminalità organizzata, il riciclaggio di denaro e altri reati finanziari può avere successo solo se i fondi e i beni vengono confiscati agli autori. In questo modo, la magistratura impedisce ai colpevoli di investire i proventi in ulteriori reati, espandere il loro potere economico e portare in salvo dalle autorità inquirenti i profitti ottenuti illegalmente.

– Tuttavia, Mafianeindanke lamenta che questa decisione sia un caso isolato. Una lotta efficace contro la criminalità organizzata richiede che il nuovo strumento nel settore della criminalità dei colletti bianchi sia utilizzato in tutte le regioni tedesche. A tal fine sono necessarie unità organizzative ben attrezzate presso gli uffici del pubblico ministero che si occupano esclusivamente della confisca dei beni.

– Inoltre, Mafianeindanke critica la comunicazione di alcuni media, che riducono questo strumento specificamente alla criminalità dei clan di origine araba. L’importante, invece, è utilizzare finalmente la confisca dei beni ottenuti illegalmente in ogni ambito della criminalità finanziaria. Anche e soprattutto contro la criminalità dei colletti bianchi. Da quando è entrata in vigore la nuova norma, i principali studi legali tedeschi, tra i cui clienti figurano anche colletti bianchi in abito gessato, hanno attaccato la confisca indipendente in blog e pubblicazioni specializzate e l’hanno definita incostituzionale. Questo dibattito influenza anche il lavoro di coloro che applicano la legge nel settore giudiziario. Gli avvocati denunciano una violazione del diritto di proprietà ai sensi dell’articolo 14 della Costituzione tedesca. Tuttavia, non sono gli studi legali commerciali e i loro clienti a decidere sull’incostituzionalità di una norma, ma la Corte costituzionale federale, che finora non ha avuto motivo di prendere una tale decisione. I beni che, secondo la giustizia, possono provenire solo da fonti illegali, ovviamente non sono protetti dalla Legge fondamentale.

Informazioni per la
stampa

Contatto:

Sandro Mattioli, giornalista e Presidente di mafianeindanke

+49-157 31 79 78 21

www.mafianeindanke.de

Mafianeindanke è un’associazione registrata senza scopo di lucro in cui attivisti volontari lavorano contro la penetrazione della criminalità organizzata nella nostra economia e nella società, lavorando così per una società aperta, democratica e con eque opportunità per tutti.