Germania – Corruption Perceptions Index 2015


Transparency International, l’organizzazione internazionale che si occupa di lotta alla corruzione, ha da poco rilasciato le nuove stime del suo Corruption Perceptions Index. La Germania si posiziona nel 2015 al decimo posto tra gli Stati più virtuosi, guadagnando due punti e due posizioni rispetto all’anno precedente.

Nuovo libro “Tutti gli Uomini del Generale”


Nella libreria di Mondolibro trasbordante di persone mercoledì 10 febbraio Fabiola Paterniti ha presentato il suo nuovo libro, “Tutti gli Uomini del Generale”. Accompagnata dal Prof. Nando dalla Chiesa, che al libro tiene molto, ne ha raccontato lo scopo e l’unicità. Per la prima volta, la storia della lotta al terrorismo in Italia viene raccontata dai suoi protagonisti, da chi stava in prima fila e ha dedicato, per quegli anni, la propria vita alla sconfitta di questo fenomeno.

Sono gli uomini del generale Carlo Alberto dalla Chiesa, gli uomini del Nucleo Speciale Antiterrorismo. Uomini normali, che quando avevano vent’anni sono riusciti a sconfiggere la rete del terrorismo rosso senza cellulari o microspie, ma saltando su treni e organizzando pedinamenti accompagnati dalle mogli, per non destare sospetti. Una volta, raccontano, i colleghi tedeschi fecero visita al “quartier generale” del Nucleo, e che sorpresa fu per loro trovare una stanza neanche tanto grande, piena solo di fascicoli. Dov’è il resto, non potete mica sconfiggere i terroristi con questi mezzi?! Eppure il Generale e i suoi uomini ce l’hanno fatta, con grande dedizione ed intelligenza. Avevano capito che per combattere questo fenomeno non era sufficiente tagliare il loro braccio operativo, ma dovevano capire come pensavano e come agivano, per riuscirne a minare poi la forza che stava nell’iniziale sostegno dell’opinione pubblica e dell’intellighenzia del Nord.

Come mai queste persone non avevano ancora mai raccontato la propria versione dei fatti? La maggior parte di loro sono persone semplici e umili, che non cercano i riflettori e la fama (a differenza di impostori comparsi in televisione spacciandosi per “collaboratori del Generale”, fortunatamente sbugiardati). Inoltre il tema del terrorismo rimane ancora molto sensibile in Italia,

Alcuni affari sospetti costano molto alla Deutsche Bank


Gli ultimi anni non sono stati rose e fiori per la Deutsche Bank – una delle istituzioni di credito più potenti conosciute a livello mondiale. La prossima settimana la banca annuncerà una perdita record, la più elevata nella propria storia: 6,7 miliardi di euro. L’istituto di credito deve ora creare ingenti accantonamenti, avendo eseguito in passato numerose operazioni di dubbia liceità, per le quali si deve ora rendere responsabile. I problemi della Deutsche Bank portano alla luce due fatti: innanzitutto che strutture criminali altamente sviluppate possono esistere unicamente potendo contare sul supporto di avvocati, commercialisti e persino istituti finanziari. D’altra parte, che evidentemente partecipare in affari finanziari svolti nella zona grigia tra legalità e illegalità non vale la pena per gli istituti di credito.

L’Unione Europea rafforzerà la legislazione contro le frodi legate all’IVA


La Commissione Europea vuole combattere in futuro in modo più efficace i cosiddetti caroselli delle imposte. E’ stato notato che questo metodo viene utilizzato per i traffici di quote di emissioni CO2 (queste quote, ormai, non sono più soggetti all’IVA, quindi questa pratica è stata in parte contenuta). Tuttavia questo tipo di truffa si pratica anche con componenti di cellulari, contingenti telefonici, materie prime ed atri prodotti materiali ed immateriali. Nel fare ciò le agenzie delle entrate restituiscono l’IVA, che in realtà non è stata pagata. Per quanto riguarda l’UE, si ritiene che possa portare ad un importante danno economico di miliardi di Euro.

Come si costruisce un percorso di successo contro la criminalità organizzata?


Libera è nata 20 anni fa, e nel frattempo sono cambiate molte cose: da qui la necessità delle “Officine Libere”.

Libera è conosciuta da tutti per il suo grande impegno in materia di beni confiscati: la sua storia nasce infatti grazie alla spinta della società di volere una legge in materia di confisca, e si è sempre posta come punto di incontro di molte associazioni, scuole, e tante altre realtà sociali. Collabora inoltre con tante organizzazioni internazionali, tra cui “Mafia?Nein, Danke!”.

Criminalità organizzata e rifugiati


Negli ultimi tempi ci si chiede spesso come la criminalità possa trarre profitto dalle migrazioni di profughi e rifugiati: sicuramente i soldi che vengono pagati per gli spostamenti nel mediterraneo, finiscono in qualche giro criminale, ma di fatto la questione è ancora poco chiara. 

Quanto é forte la presenza della mafia in Baviera?


La Baviera che si ritiene essere una regione modello: ordinata, con una economia forte, tradizionale ma moderna. Non rientra in questa immagine il fatto che in Baviera la mafia si sia stabilita in modo stabile da decenni. Una tavola rotonda con un pubblico numeroso ha cercato di risalire alle origini della presenza della mafia in Baviera.

Conferenza della GdP (sindacato tedesco della polizia) sulla criminalità organizzata


Una conferenza organizzata dal sindacato nazionale della polizia in collaborazione con Mafia? Nein Danke! E.V. si è occupata per due giorni di seguito, il 12. e il 13. Ottobre della lotta alla criminalitá organizzata. Circa 80 esperti di polizia e giustizia, tedeschi e italiani hanno riferito e dialogato non solo sulla lotta alla criminalitá organizzata in Germania bensi anche sulle strutture e collaborazione sovranazionale. Si é parlato inoltre della struttura della mafia italiana, del riciclaggio di denaro sporco, di corruzione e finanziamento di gruppi terroristici collegati alla criminalitá organizzata.

Ribellione anti-pizzo a Palermo


Bagheria è un piccolo comune a pochi chilometri ad est di Palermo, e come in molte altre località limitrofe vi fa base Cosa Nostra. Nella scorsa settimana i negozianti di Bagheria hanno fatto parlare di sé: si sono ribellati, per la prima volta nella storia, contro le richieste di pizzo da parte della Mafia.

Incendio doloso di mafia ad Hanau


E’ difficile riscontrare in Germania palesi elementi che riportano ad associazioni criminali, le indagini stesse non danno spesso prova di attività concrete: i clan sono molto abili a nascondere i grandi affari con attività minori, evitando così di avere l’attenzione delle autorità sempre puntata su di loro.