Alla Camorra piace Van Gogh

Droga

Avvolti in una tela di cotone, in un casolare nei pressi di Castellammare di Stabia di proprietà di un narcotrafficante del clan degli Amato-Pagano. Un valore di cento milioni di dollari, rimasti nascosti per anni. “La spiaggia di Scheveningen durante un temporale” e “Una congregazione lascia la chiesa riformata di Nuenen”, due tra le più preziose opere giovanili di Vincent van Gogh, sono state finalmente ritrovate. I due quadri furono rubati dal “Van Gogh Museum” di Amsterdam nel 2002, e da allora se ne erano perse le tracce. Li hanno ritrovati gli uomini del Nucleo di Polizia tributaria della Guardia di Finanza di Napoli, impegnati in un’indagine sul traffico internazionale di cocaina. Con il traffico internazionale di droga, il clan era già attivo in operazioni immobiliari, creazione di business negli Emirati, investimenti a vari livelli. Teneva amicizie anche con imprenditori, commercialisti, pure qualche diplomatico.

post precedente

Arrestato Antonio Pelle, superlatitante della faida di San Luca

È pericoloso raccontare di mafia, in Germania – a causa della legge tedesca

prossimo post