21 marzo: commemorazione delle vittime innocenti della mafia


Quando abbiamo deciso di proiettare il film “Fortapasc” per il nostro evento di quest’anno in occasione della Giornata nazionale della Memoria e dell’impegno Antimafia, non potevamo ancora intuire che il tema sarebbe diventato così tristemente attuale. “Fortapasc”, infatti, racconta la storia di Giancarlo Siani, un giovane giornalista che indagava sulla Camorra a Napoli negli anni ‘80: egli ricercava in particolar modo i coinvolgimenti tra politica e criminalità organizzata collegati alla ricostruzione della regione distrutta a seguito del terremoto. Era un giornalista scomodo, pieno di vita e sveglio. Le sue ricerche però compromettevano gli interessi economici dei clan coinvolti nel caso. Il 25 settembre 1985 chiamò un conoscente che dirigeva l’Osservatorio sulla Camorra e gli comunicò che aveva qualcosa da riferirgli, ma che sarebbe stato opportuno non farlo per telefono. Poche ore dopo, in quella stessa giornata, Siani fu ucciso, a soli 26 anni. Sia i suoi assassini sia i mandanti dell’omicidio vennero in seguito condannati.

Adesso ci ritroviamo nella stessa circostanza di piangere l’uccisione di un giovane giornalista, Jan Kuciak, e della sua compagna, continuando a ricordare Daphne Caruana Galizia, uccisa a Malta nell’esplosione di un’autobomba. Entrambi giornalisti, entrambi indagavano sui rapporti tra Stato e mafia.

Proprio per questo al termine del film discuteremo sui rapporti tra giornalismo e mafia.