Il Consiglio europeo e la Commissione europea reagiscono agli scandali di riciclaggio di denaro presso le banche dell’Unione europea con un pacchetto completo di misure


L’Unione europea sta rispondendo agli scandali di riciclaggio di denaro venuto alla luce nel settore finanziario nel 2018 e al relativo fallimento delle autorità di vigilanza nei singoli paesi europei. I fatti del caso Danske Bank, che sono ben lungi dall’essere stati analizzati a fondo, hanno messo il settore finanziario, le autorità di regolamentazione, le autorità di vigilanza, le forze dell’ordine e i politici europei sotto una notevole pressione ad agire.

Il numero di casi di riciclaggio di denaro sporco scoperti l’anno scorso in Danimarca, Paesi Bassi, Germania, Estonia, Lettonia, Malta e Svizzera è notevole, così come la portata dello scandalo della filiale estone della danese Danske Bank. I riciclatori di denaro russo e gli evasori fiscali hanno creato una rete di società di cassette postali offshore in cui centinaia di miliardi sono stati riciclati attraverso varie banche, comprese le istituzioni con sede in Germania. La Landesbank Baden-Württemberg (LBBBW) parla di “probabilmente il più grande scandalo del riciclaggio di denaro di tutti i tempi”.

Il 4 dicembre 2018, in risposta a questi scandali, il Consiglio europeo ha adottato conclusioni su un piano d’azione per migliorare la lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo.

Le conclusioni contengono una serie di misure sublegislative a breve termine volte a rafforzare la vigilanza sulle misure antiriciclaggio e a promuovere la cooperazione tra le autorità competenti. L’obiettivo è quello di raggiungere 8 obiettivi chiave:

  1. – Individuare i fattori che hanno contribuito ai recenti casi di riciclaggio di denaro nelle banche dell’UE al fine di informare meglio eventuali misure aggiuntive a medio e lungo termine;
  2. – Individuare i rischi rilevanti di riciclaggio di denaro e di finanziamento del terrorismo e le migliori pratiche di vigilanza per contrastarli;
  3. -Aumentare la convergenza della vigilanza e integrare meglio nel processo di vigilanza gli aspetti antiriciclaggio;
  4. -Garantire una cooperazione efficace tra le autorità preposte alla vigilanza finanziaria e quelle preposte alla lotta contro il riciclaggio di denaro;
  5. – Chiarimento degli aspetti relativi alla revoca delle autorizzazioni bancarie in caso di infrazioni gravi;
  6. – Migliorare la sorveglianza e lo scambio di informazioni tra le autorità
    competenti;
  7. – Scambiare le migliori pratiche e individuare gli aspetti comuni tra le autorità nazionali;
  8. – Migliorare la capacità dell’Autorità di vigilanza europea di utilizzare meglio i poteri e gli strumenti di vigilanza esistenti.

    L’11 ottobre 2018 il Consiglio e il Parlamento europeo hanno adottato una nuova proposta di direttiva della Commissione europea sulla lotta al riciclaggio di denaro. L’obiettivo è quello di integrare la quinta direttiva dell’UE sul riciclaggio di denaro sporco, adottata a maggio, con strumenti di diritto penale. Questa aggiunta introduce nuove disposizioni di diritto penale che negano ai criminali l’accesso ai finanziamenti, non da ultimo quelle utilizzate per attività terroristiche.
    Le nuove regole comprendono quanto segue:

  • – stabilire norme minime per la definizione dei reati e delle sanzioni in materia di riciclaggio di denaro. Il riciclaggio di denaro sporco è punibile con una pena detentiva di almeno quattro anni e, oltre alla pena detentiva, il tribunale può imporre ulteriori sanzioni e misure (ad es. multe, esclusione temporanea o permanente dall’accesso a fondi pubblici, ecc. Delle aggravanti si applicano ai collegamenti con organizzazioni criminali o alle violazioni connesse all’esercizio di determinate attività professionali;
  • – la possibilità di ritenere le persone giuridiche responsabili e di punirle in vari modi per determinate attività di riciclaggio (ad esempio, escludendole dai fondi pubblici, assoggettandole a controllo giudiziario, liquidazione giudiziaria, ecc;
  • Rimuovere gli ostacoli alla cooperazione giudiziaria e di polizia transfrontaliera stabilendo regole comuni per migliorare le indagini. Per i casi transfrontalieri, le nuove norme specificano lo Stato membro competente, le modalità di cooperazione tra gli Stati membri interessati e il coinvolgimento di Eurojust.
    Una volta che la direttiva è stata pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’UE, gli Stati membri hanno fino a 24 mesi per recepirla nel diritto nazionale.

    Mafianeindanke insieme ad altre organizzazioni non governative – presenterà alngoverno federale (diretto dal Ministero federale della giustizia endella protezione dei consumatori) proposte di attuazione, in particolare per la ristrutturazione del reato di riciclaggio di denaro in perdita ai sensi dell’articolo 261 del codice penale.

    In futuro, l’Autorità Bancaria Europea (ABE) svolgerà un ruolo maggiore nella vigilanza sul riciclaggio di denaro. Finora ha avuto una funzione principalmente regolatrice piuttosto che di controllo.
    Almeno i governi nazionali hanno concordato il ruolo aggiuntivo nel Consiglio europeo di metà dicembre 2018. La Commissione europea ha presentato una corrispondente proposta di regolamento a metà settembre 2018. Il Parlamento europeo deve ancora dare la sua approvazione. Tuttavia, l’intesa tra i governi è già vista come un importante passo avanti verso l’estensione dei poteri dell’autorità di vigilanza bancaria dell’UE nella lotta contro il riciclaggio di denaro.

    In particolare, l’accordo del Consiglio prevede che l’ABE possa richiedere informazioni alle autorità nazionali di vigilanza bancaria per individuare eventuali debolezze nella lotta contro il finanziamento del terrorismo e il riciclaggio di denaro. L’ABE ha anche la possibilità di fissare norme di qualità comuni per la vigilanza nazionale e di imporre che le eventuali violazioni siano oggetto di indagini e che siano adottate misure mirate, ad esempio sanzioni.

    L’ABE può anche insistere su una più stretta cooperazione tra le diverse autorità. In questo contesto, sarà istituito un comitato permanente che riunirà le autorità nazionali di vigilanza sul riciclaggio. Infine, l’ABE può preparare valutazioni del rischio che forniscano un’analisi della misura in cui le azioni delle singole autorità nazionali di vigilanza sono sufficienti per combattere efficacemente il riciclaggio di denaro.

    Di conseguenza, l’autorità di vigilanza dell’UE deve disporre di strumenti per esercitare pressioni sulle autorità di vigilanza nazionali sospettate di non essere sufficientemente efficaci contro il riciclaggio di denaro. In quanto strumento più rigoroso, l’ABE può impartire ordini direttamente alle singole banche se le autorità nazionali non hanno preso provvedimenti. Tuttavia, questa possibilità esiste solo come ultima risorsa.

    Va criticato il fatto che la Commissione e il Consiglio sono stati riluttanti a concedere all’ABE nei singoli Stati membri dell’UE un diritto indipendente di ispezione “sul posto”. Questo sarebbe stato certamente lo strumento più efficace per eliminare le innegabili carenze delle singole autorità di vigilanza dei singoli Stati membri dell’UE. Si spera che il Parlamento europeo insista per ottenere miglioramenti in questo contesto. Rimane inoltre problematico il fatto che, come riportato in un’intervista all’Handelsblatt del 25 ottobre 2018, il Commissario UE responsabile per la giustizia, Věra Jourová, voglia aumentare il numero di dipendenti da una manciata a venti.